Coscienza critica

Per fortuna l'informazione in itlaia è libera, ma a volte può esserlo anche un po' troppo.
Mi ritrovo molto spesso innervosita da articoli, ma sopratutto dai commenti a questi, di persone poco informate.
Non parlo solo dell'informazione politica, ma anche quella di tipo scientifico che spesso viene divulgata da persone che non sono del campo.
Voglio darvi uno spunto di riflessinìone perchè penso che una delle cose più importanti nella vita sia una visione critica di tutto ciò che ci accade intorno. Certo non possiamo sapere tutto e di tutto, saremmo dei mostri, ed è per questo ovvio che spesso dobbiamo affidarci a tv e giornali. Questo è  giusto e normale, quello che dico io è che, se un determinato argomento ci colpisce per una qualsiasi motivazione, prima di sparare a zero è bene informarsi.
Spesso gli articoli ci danno anche tutte le informazioni giuste e corrette, ma non si sa per quale motivo il nostro cervello è portato a dare più risalto a quelle "brutte", che ci  scuotono o quelle che "ci fanno comodo" piuttosto che avere una visione generalel della cosa.

Per fare un esempio in ambito scientifico, che forse mi compete leggermente di più, spesso accade che si parli di sostanze su cui vi sono ricerche in atto per sapere se possano generare o meno tumori.
Bene, ora dovete sapere che, essendo la natura ovviamente influenzata da moltissimi fattori, per determinare se una sostanza è cancerogena o meno vengono fatti tantissimi studi a riguardo, che impigano anche molto tempo prima di essere portati a termine. Quasi sempre non basta un solo studio per poter dare una risposta. Noi però tendiamo ad allarmarci leggendo un articolo in cui c'è scritto che questa determinata sostanza in due studi su 10 è risultata cancerogena e magari ci sono ancora studi in corso??  Che prevenire sia meglio che curare sono d'accordo, ma poi perchè non dare lo stesso peso a studi, ad esempio sul fumo di tabacco che hanno portato a confermare quanto questa sostanza sia cancerogena?

Non dico di sottovalutare ciò che leggiamo, l'unica cosa che trovo di grande importanza è avere una coscienza critica che ci permetta di dire: "ok, ho letto questa cosa che ha catturato in quelche modo la mia attenzione, e ora ho uno spunto per informarmi" e non come si fa di solito che si punta il dito. Perchè alla fine criticare e lamenentarci ci viene molto più seplice di "perdere tempo" per informarci.

Ricordate, inoltre, che spesso il marketing può farci brutti scherzi. Le campagne pubblicitarie possono dire ciò che vogliono pur di farci comprare un qualcosa piuttosto che qualcos'altro, come anche spesso le trasmissioni televisive vengono create ad hoc per indirizzare la nostra attenzione vergo cose che nella realtà non hanno alcun significato particolare.

Nessun commento:

Posta un commento

copyright © . all rights reserved. designed by Color and Code

grid layout coding by helpblogger.com