L'impresa di Marco Belinelli

Questa mattina il mio ragazzo mi ha chiamato tutto gasato raccontndomi della gara disputatasi questa notte che ha visto come vincitore Marco Belinelli e proponendomi di scrivere un post a riguardo. L'idea di poter raccontare l'impresa di un giovane ragazzo che rappresenta anche l'italia all'estero mi ha subito entusiasmata ma c'era un problema... io so poco e niente di basket purtroppo, così gli ho proposto di scrivere lui un post in modo da rendere onore a questo grande risultato. Ed eccolo qui: 




Oggi è un grande giorno per l'Italia, sportiva e non. Sono un grande patito di basket, e oggi l'Italia si è fatta grande in questo sport. Si tengono nel week end a New Orleans gli All Star Game, un evento non agonistico, dove si riuniscono i migliori giocatori dell'NBA, nonchè dell'intero basket mondiale, per dare dello spettacolo, far divertire i tifosi, e far girare (non poco) l'economia degli USA. L'Italia era onorata di avere un giocatore tra questi: si tratta di Marco Belinelli, nato a San Giovanni in Persiceto e formatosi nella mia amata Bologna, nella Virtus e nella Fortitudo, e da qualche anno giocatore NBA. Ha ricevuto la convocazione all'All Star Game per gli ottimi risultati nel tiro da 3 che sta avendo quest'anno nella squadra di San Antonio, gli Spurs. Per l'appunto (espressione della quale non ho mai conosciuto la correta modalità di scrittura, probabilmente è una invenzione dialettale, ma io continuo ad usarla anche negli ambiti più formali...) ha avuto la possibilità di partecipare al contest da tre punti, gara nella quale i migliori tiratori della stagione si sfidano nel segnare il maggior numero di canestri da 3 punti in pochi secondi. Il motivo per il quale questo giorno, Belinelli, e l'Italia entrano nella legenda è che il nostro amato Marco, con una prestazione superlativa, sopra le righe ed oltre la ragione, da vera stella, è stato in grado di sconfiggere, senza apparenti difficoltà, senza mai essere per un solo istante il secondo, tutto gli altri giocatori che partecipavano; stiamo parlando di giocatori ritenuti tra i migliori al mondo, che reggono il confronto con campioni del livello di Jordan, James e Bird, anche se leggermente inferiori, meno incisivi e vincenti per il momento. Da amante del basket e tifoso sfegatato dei Miami Heat, ma anche di tutti i giocatori italiani presenti nel campionato d'oltre oceano, ci tengo ad esprimere la mia gioia per questo evento e a fare i complimenti ad un giocatore ancora giovane, ma che ha raggiunto ormai livelli importanti a livello planetario. 
Grande Marco!!!

Ciao Gente 
un saluto da me ...e da Riky!

Nessun commento:

Posta un commento

copyright © . all rights reserved. designed by Color and Code

grid layout coding by helpblogger.com